24 settembre 2014 anniversario di parrocato per don Filippo Custode - Parrocchia Santo Sepolcro Bagheria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

24 settembre 2014 anniversario di parrocato per don Filippo Custode

Eventi

all'inizio della celebrazione della Santa Messa pomeridiana padre Filippo soffermandosi con un sorriso di gioia esclama ! Vi siete dati parola, perchè in genere il mercoledi non si vede cosi tanta gente, oggi ricorre il mio terzo anno di parrocato qui nella chiesa del Santo Sepolcro..............

sotto publichiamo la lettera di ringraziamento letta da Mario Martorana a conclusione della Santa Messa, che la comunità del Santo Sepolcro ha rivolto a padre Filippo.

In occasione dell’anniversario del suo parrocato la comunità del S. Sepolcro vuole rivolgergli gli auguri con questa lettera che sintetizza il sentimento di tutti noi in questi anni vissuti insieme .

Don Filippo Custode nuovo parroco di Bagheria



"Dopo 30 anni cambio al vertice nella parrocchia del Santo Sepolcro a Bagheria. Don Filippo Custode è stato nominato parroco al posto di don Mario Di Lorenzo che cessa per limiti di età. L’ingresso ufficiale del neo parroco avrà luogo il 24 di settembre. A Don Filippo auguriamo un buon apostolato".


Cosi riportava un articolo del notiziario online di Misilmeri. Subito dopo l’insediamento in questa parrocchia , nemmeno il tempo di ambientarsi in una prima intervista lei disse :

" il momento più bello del Triduo Pasquale è per ogni sacerdote il Giovedì Santo, quando nel gesto della lavanda dei piedi ricorda la propria identità e il senso della propria presenza nella comunità parrocchiale. L’essere messo li a lavare i piedi e servire ognuno senza guardare il volto ma solo guardando i piedi e quindi le esigenze della comunità senza distinzione di volti e senza distinzioni sociali prendendo coscienza del mio ministero. Voglio invitare tutta la comunità a camminare insieme nell’unità che l’eucarestia ci ricorda nel servizio che Cristo nella lavanda dei piedi ci ha insegnato, nella comunione nel sacrificio che lui sulla croce ci ha mostrato".

È arrivato a Bagheria da Ventimiglia, oggi come comunità speriamo di farne tante di miglia con lei semplicemente perché quella strada che abbiamo percorso insieme è stata tracciata dall’amore di Gesù che tenendoci per mano si è fatto compagno di viaggio. Sicuramente come in ogni avventura ci sono momenti belli e momenti difficili. Ma lei guida illuminata, dallo spirito Santo,con la sua testimonianza ci ha sempre mostrato come andare avanti indicandoci una sola via: Gesù Cristo vera vita.   

Volevamo dirle grazie per tutte quelle volte che ha creduto in noi anche quando siamo stati i primi a non crederci .
Grazie per averci mostrato Gesù come vero amico; un amico con cui condividere pensieri e gioie, ma  anche un semplice gelato, una pizza, un panino , e  fare due risate,  ma soprattutto colui con cui condividere la preghiera.
Grazie per averci mostrato Gesù vero Dio e vero Uomo ;
Grazie per averci mostrato il volto paterno di Dio, attraverso la sua dolcezza e pazienza ma allo stesso tempo attraverso la sua fermezza  nel la correzione.
Grazie per  averci mostrato Gesù come parola viva e vera sorgente che disseta e cura ogni ferita, lei attraverso la sua testimonianza di vita si fa canale di questa sorgente.
Grazie per  essersi preso cura di tutti ,dei  bambini, dei giovani,degli anziani, dei poveri, degli ammalati, senza alcuna riserva , ma soprattutto per essersi dedicato alla cura delle famiglie chiesa domestica dove l’ amore umano esprime, incarna, custodisce, alimenta ed annuncia l’amore di Dio.
Grazie per averci offerto il suo cuore come seconda casa. Una casa come  la Chiesa che è madre e come tutte le madri sa accompagnare il figlio bisognoso, sollevare il figlio caduto, curare il malato, cercare il perduto e scuotere quello addormentato e anche difendere i figli indifesi e perseguitati".Per concludere vogliamo rivolgere una preghiera al Padre.

Signore, abbiamo bisogno di preti, ma di preti fatti sul tuo stampo, non vogliamo preti "occasionali", ma preti autentici che ci trasmettano te senza mezzi termini, senza ristrettezze, senza paure. Vogliamo preti" a tempo pieno", che consacrino ostie, ma soprattutto anime, trasformandole in te; preti che parlino con la vita. A noi Signore bastano i preti dal cuore aperto, dalle mani forate, dallo sguardo limpido. Donaci o Signore preti dalle ginocchia robuste, che sappiano sostare davanti a te, che sappiano adorare, impetrare, espiare, rendici degni di avere tali preti."

Grazie  Signore perche ci hai donato Padre Filippo il quale dedica tutta la sua vita alla Chiesa, alla comunità, davvero non risparmia nulla di sé e dona ogni momento del suo tempo a tutti quelli che ne hanno bisogno.. insegnandoci a  donare la propria vita per gli altri come ci chiedi Tu.

Grazie Padre Filippo  per  tutto, le vogliamo bene. Comunità Santo Sepolcro



 
Torna ai contenuti | Torna al menu